Gravidanza isterica e l'importanza della sterilizzazione

Se non si hanno velleità allevatoriali ritengo di fondamentale importanza la sterilizzazione dei nostri Rhodesian Ridgeback.

La sterilizzazione è un intervento che consente di prevenire malattie piuttosto gravi, come le piometre o tumori mammari.

Sicuramente il periodo migliore per sterilizzare il nostro RR è quello antecedente al primo calore.

Sterilizzazione e leggende metropolitane

Alcuni veterinari e alcune leggende metropolitane consigliano di far fare una cucciolata alla femmina prima di farla sterilizzare, ma vi posso garantire con assoluta fermezza che questa teoria è assolutamente priva di fondamenti in quanto (non esiste nessun studio scientifico che la supporti).

L’incidenza di tumori nelle cagne sterilizzate precocemente è infinitamente inferiore a quella delle cagne sterilizzate dopo uno o due calori.

Aggiungo inoltre che sterilizzando la vostra RR eviterete gravidanze indesiderate, purtroppo è sempre più frequente la nascita di cuccioli di Rhodesian Ridgeback non puri (meticci).

Con la sterilizzazione si evita anche il fastidioso fenomeno della “gravidanza isterica” dove le nostre RR sono MOLTO propense nel farla.

Vantaggi e svantaggi minimi

I lati negativi della sterilizzazione sono veramente pochi, ci può essere un leggero aumento di peso in quanto sterilizzando la nostra RR andiamo a togliere gli estrogeni e automaticamente rallenta il suo metabolismo.

Il rischio di andare incontro a un leggero aumento di peso a mio avviso non è un problema, primo perché basta diminuire leggermente la dose giornaliera e il problema è già risolto, secondo se non vogliamo diminuire al nostro RR le dosi di cibo giornaliere oggi esistono in commercio svariate marche di “alimenti light” a basso contenuto calorico.

Un altro dei lati negativi può essere l’incontinenza urinaria, ma oggi con le nuove tecniche di sterilizzazione “laparoscopica” questo evento indesiderato è piuttosto raro.

La pseudogravidanza o (gravidanza isterica) è un fenomeno piuttosto frequente nelle femmine di RR, questo si verifica perché in natura solo le femmine di più alto grado gerarchico sono ammesse alla riproduzione.

Sento spesso dire che le femmine fanno gravidanze isteriche perché hanno voglia di essere mamme, nulla di più falso, la femmina non sogna di diventare mamma.

La gravidanza isterica in natura ha un suo preciso significato: questa avviene perché se la mamma dei cuccioli dovesse morire o subire un incidente le altre femmine del branco (dove il periodo dei calori sono sempre sincronizzati) sarebbero in grado di prendersi cura dei cuccioli allattandoli.

Sintomi della gravidanza isterica

La pseudogravidanza si verifica 1-2 mesi dopo il calore, dove la cagna manifesta tutti i sintomi di una gravidanza pur non essendo gravida e non essendosi accoppiata. I sintomi della gravidanza isterica sono abbastanza semplici da riconoscere:

  • assunzione di comportamenti materni (le femmine di RR si preparano la cuccia, adottano pantofole o giochi come se fossero cuccioli, ringhiano a tenta di avvicinarsi ai loro cuccioli immaginari)
  • aumento del volume delle mammelle con presenza di latte
  • nervosismo
  • dimagrimento
  • vomito e nausea
  • depressione

La pseudogravidanza o “gravidanza isterica” si cura somministrando alla nostra RR farmaci, sotto forma di liquidi o di compresse, che servono a bloccare la prolattina, cessando così la produzione di latte e di conseguenza tutti i comportamenti materni indotti dagli ormoni.

Se non somministriamo i farmaci alle nostre cagne in “gravidanza isterica” rischiamo solo che la produzione di latte invece che interrompersi continui per giorni andando a provocare infiammazioni che potrebbero portare a una metaplasia che spesso si trasforma poi in neoplasia.

La sterilizzazione in laparoscopia consiste nell’effettuare due o tre piccole incisioni sull’addome di 3/5 mm, all’interno dei quali viene inserito un laparoscopio (telecamera zoom) e gli strumenti chirurgici, garantendo un grado di precisione elevato.

Il legamento ovarico viene tagliato e cauterizzato con cautela invece di essere strappato, preservando alle cagne un dolore del 65% inferiore rispetto alla tecnica tradizionale.

Inoltre evita l’impiego di collare elisabetta post intervento con minore trauma psicologico per il cane.

Nella sterilizzazione in laparoscopica tutti gli organi dell’apparato riproduttivo vengono lasciati nelle loro sedi e non vengono particolarmente sollecitati, questo riduce ai minimi termini il rischio dell’incontinenza urinaria nelle nostre femmine di Rhodesian Ridgeback.

Il rischio di piometra

La piometra, si tratta di una patologia causata da una degenerazione del tessuto uterino che causa un accumulo di pus nella cavità dell’utero.

Essa è molto frequente nelle cagne (tra cui le femmine di RR) e compare generalmente dalle 3 alle 6 settimane dopo la fine del calore.

Essa e spesso provocata dall’uso di farmaci contraccettivi (progestinici ed estrogeni). La sintomatologia della piometra include avvilimento, inappetenza, forte sete, copiose evacuazioni urinarie, febbre, diarrea e vomito.

In assenza di trattamento, la malattia si complica con un’insufficienza renale il più delle volte mortale e con la rottura dell’utero colmo di pus all’interno della cavità addominale e conseguente sepsi.

Esistono due tipi di piometra:

  • Piometra chiusa: avviene quando il collo dell’utero è chiuso (non è visibile alcun deflusso dalla vulva), la cagna presenta un addome disteso e il suo stato generale peggiora a vista d’occhio.
  • Piometra aperta: avviene quando il collo dell’utero è aperto e il pus sgorga verso l’esterno. La vulva si gonfia, la cagna si lecca frequentemente e il suo stato generale degrada lentamente.

La piometra si può curare con un trattamento antibiotico (il quale però non è mai sufficiente e tantomeno risolutivo a lungo termine) oppure con il trattamento chirurgico (nella quale vengono esportati utero e ovaie, e nella maggior parte dei casi porta il soggetto a una guarigione completa).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *