Le patologie del Rhodesian Ridgeback

Le patologie del Rhodesian Ridgeback

Il Rhodesian Ridgeback è tendenzialmente un cane forte e in salute, ma come tutti i cani di altre razze, anche il Rhodesian può andare in contro a problemi di salute, di seguito un elenco delle varie patologie che possono colpire i nostri amici a 4 zampe.

Seno dermoide

Il Seno o Fistole Dermoide nel Rhodesian Ridgeback è una malformazione congenita causata da un difetto di separazione del foglietto embrionale ectodermico dal tubo neurale, che è una porzione dello stesso, dal foglietto ectodermico durante l’embriogenesi si origina la cute con i suoi annessi come peli, ghiandole sebacee, ghiandole sudoripare e il sistema nervoso.

Il seno dermoide si presenta come un invaginamento tubolare dell’epidermide che si estende dalla superficie della cute quasi sempre lungo la linea mediana dorsale del corpo, nei tessuti sottostanti sino ad una profondità che varia a seconda dei casi.

Displasia dell’anca e del gomito (HD, ED)

La displasia dell’anca nel Rhodesian Ridgeback è la malattia osteoarticolare più comune nei cani di media e grande dimensione, mentre è meno frequente nei cani di piccola taglia. Consiste in una malformazione dell’articolazione coxo-femorale (anca).

Si riferisce ad una mancata congruenza tra la cavità articolare dell’anca (acetabolo) e la testa del femore, causando lussazioni ossia in non allineamento dell’articolazione nella posizione naturale.

La testa del femore non è tenuta saldamente nella posizione corretta e tende a “ballare”; questo continuo movimento mette sotto stress l’articolazione e i tessuti periarticolari, infiammandoli e indebolendoli.

La displasia del gomito è un’alterazione della formazione dell’articolazione del gomito del Rhodesian Ridgeback, che nei casi gravi può portare a zoppia ed artrite.

La patologia ha una componente principalmente ereditaria poligenica, ma è favorita anche da fattori ambientali. Alcune razze canine sono più predisposte di altre a sviluppare il disturbo.

Mielopatia degenerativa (DM)

La mielopatia degenerativa nel Rhodesian Ridgeback (acronimo DM) è una grave patologia neurologica fortemente invalidante. Questa grave patologia colpisce il midollo spinale e provoca nel cane affetto incoordinazione motoria, paraparesi progressiva (arti posteriori) fino all’incapacità totale di stare in stazione.

La mielopatia degenerativa ha un’insorgenza subdola e progressiva, di stampo cronico. L’età media in cui iniziano a manifestarsi i sintomi intorno agli 8 anni con un decorso lungo e fasi acute di peggioramento.

Emofilia B

L’emofilia B nel Rhodesian Ridgeback è una condizione che colpisce il processo di coagulazione del sangue tramite mancanza del fattore di coagulazione IX, biologicamente attivo e rappresenta una coagulopatia ereditaria naturale, con segni clinici più o meno gravi e attività coagulanti.

Sordità a insorgenza precoce (EOAD)

Il Rhodesian Ridgeback come altre razze può essere portatore o affetto da una forma di sordità ereditaria. I cani colpiti da questa forma alla nascita hanno tutti un udito normale per poi nell’arco del primo anno di vita perdere completamente l’udito.

La perdita dell’udito inizia verso i 4 mesi dove i maschi sembrano essere maggiormente colpiti rispetto alle femmine. La trasmissione è autosomica recessiva, ciò significa che se i genitori non sono portatori del gene i loro cuccioli non portano tale patologia.

Onicodistrofia Lupoide Simmetrica (LOS)

Si tratta di una malattia che interessa le unghie, caratterizzata dal progressivo distacco delle unghie degl’arti anteriori e posteriori, associata a ricrescita di unghie più corte, distorte, fissurate e di minor consistenza.

Ci sono determinate linee di sangue predisposte a trasmettere alla loro prole questa patologia.

Ipotiroidismo

Si tratta di una disfunzione tiroidea, generalmente appare nei soggetti di età compresa tra i 2 e i 5 anni.

Per ovviare a questo problema è opportuno sottoporre i propri riproduttori allo screening tiroideo almeno una volta all’anno in modo da non produrre cuccioli con questa disfunzione.

Epilessia mioclonica giovanile (JME)

La JME (epilessia mioclonica giovanile) colpisce i soggetti a riposo oppure sollecitati da uno stimolo luminoso, avviando attacchi mioclonici nel cane.

Questa patologia, come dice il nome, colpisce soggetti piuttosto giovani (dalle 6 settimane ai 18 mesi) Essa è monitorabile attraverso test genetici accurati nei riproduttori.

Displasia renale giovanile (JRD)

Si tratta di una malattia ereditaria, nel quale i reni non maturano man mano che il cane cresce e rimane ipofunzionante rispetto alle esigenze metaboliche del nostro Rhodesian Ridgeback.

Si manifesta con sete eccessiva, eccessiva produzione di urina, crescita lenta, disidratazione, scarsa vitalità e perdita di peso nel cane in crescita.

Attualmente non esiste un test genetico da fare sui soggetti, la diagnosi avviene sui soggetti in vita mediante un’ecografia addominale che dimostri un alterata conformazione anatomica dei reni, esame del sangue e delle urine.

Cardiopatie congenite

Con il termine di cardiopatie congenite si intendono le malattie cardiache presenti alla nascita e che si verificano come conseguenza di un difetto del normale sviluppo del cuore nell’embrione, o un’alterazione nelle variazioni circolatorie che avvengono durante il passaggio alla vita extrauterina.

Di alcune malattie congenite si ipotizza l’ereditarietà, ovvero la trasmissione genitori-prole.

Articolo scritto da Daniele Zanardi dell’allevamento Rhodesian Ridgeback Zanardi’s. Per ulteriori informazioni e curiosità sulla razza, contattaci, saremo lieti di farti conoscere tutto sui meravigliosi Rhodesian Ridgeback.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.